Ultimo aggiornamento : 15 Ott 2021, 8:25

JOBS ACT, opportunità e contraddizioni

23 Ott 2015, 15:45 | Attualità News Politica | Scritto da : webrep

JOBS ACT, opportunità e contraddizioni

Le nuove forme di lavoro illustrate in un convegno dai giuslavoristi Silvia Piccinini e Giampiero Falasca

Le nuove forme dei contratti di lavoro illustrate ad un’attenta platea di imprenditori, consulenti e lavoratori riuniti nei giorni scorsi al Best Western Classic Hotel per un convegno organizzato da Archimede. “La forzata contrapposizione tra lavoro stabile e lavoro precario ha dominato, con risultati piuttosto sterili, il dibattito degli ultimi anni, ma la migliore sintesi che possiamo trarne è quella di puntare a una buona flessibilità, vera garanzia di successo per il lavoratore e per l’impresa”. Dal suo osservatorio privilegiato, l’Amministratore Delegato di Archimede SpA Agenzia per il Lavoro, Claudia Cavazzoni, in apertura del workshop dedicato al Jobs Act ha chiarito subito la necessità di uscire dai rigidi formalismi del complesso impianto normativo per aiutare le imprese e i lavoratori a cogliere tutti i vantaggi possibili della legge e contribuire al necessario rinnovamento del mercato del lavoro. Determinanti in questo senso gli approfondimenti, proposti ad una platea attenta e partecipata, dagli avvocati Silvia Piccinini, partner dello Studio legale Bassi & Terzi di Reggio Emilia, e dell’avvocato Giampiero Falasca, partner dello Studio legale internazionale DLA Piper, insignito quest’anno del Labour Awards, i quali hanno affrontato, dapprima, i contenuti formali del contratto di lavoro, dedicando particolare attenzione agli aspetti meno noti che regolano il rapporto tra imprenditore e lavoratore, per poi soffermarsi sulle varie forme contrattuali regolate dal recente D.Lgs 81/2015, mettendo in evidenza le opportunità in esso contenute e fornendo suggerimenti operativi per le diverse necessità imprenditoriali. Un approccio estremamente pragmatico e molto apprezzato dalla platea, composta da imprenditori, consulenti e lavoratori, i quali si sono potuti confrontare direttamente con i due noti giuslavoristi per avere risposte immediate e tradurre così nel modo migliore le opportunità offerte dalla riforma. “L’evoluzione del mercato del lavoro – ha sottolineato l’Amministratore Delegato Cavazzoni a conclusione dell’iniziativa, organizzata anche grazie alla partecipazione di Credito Cooperativo Reggiano, Isi Plast Spa e Alberto Triglia srl – ha cambiato i parametri su cui le aziende e le persone si devono misurare: non è più la durata temporale di una prestazione lavorativa a qualificare in meglio un contratto di lavoro, ma le condizioni in cui ci si trova ad operare, così come è necessario modificare l’approccio al lavoro e promuovere continuamente la crescita professionale delle persone per favorire la piena occupazione”.