Ultimo aggiornamento : 19 Gen 2023, 15:26

REGGIANA, che sia l’anno buono?

18 Gen 2023, 15:17 | News | Scritto da : Reporter

REGGIANA, che sia l’anno buono?

Tra i ragazzi di Aimo Diana e la serie B c’è solo il Cesena: il 20 febbraio lo scontro diretto

 

La prova di forza contro il Siena (4-0 con calcio a tratti spettacolare) conferma la Reggiana di Aimo Diana in testa alla classifica in un girone B dove ormai a tenere il passo dei granata è rimasto solo l’ambizioso Cesena. Sono cinque in punti che separano le due squadre in attesa del big match che lunedì sera 20 febbraio le metterà di fronte allo stadio “Manuzzi”.

Trascinati dai gol di Adriano Montalto (9 fin qui, con due rigori), i granata nelle ultime 12 partite hanno collezionato ben 28 punti, frutto di 8 vittorie e 4 pareggi. L’ultima sconfitta, infatti, risale al 19 ottobre al “Mapei” proprio contro il Cesena.

E’ la difesa l’arma in più messa in campo da Paolo Rozzio e compagni: sono soltanto 11 le reti subite e Giacomo Venturi, imbattuto da 803 minuti, si appresta a battere il record storico di “Rambo” Facciolo che nel 1989 mantenne la porta inviolata per 902 giri di lancette. Ma anche in attacco i granata si fanno valere con 32 reti segnate, secondi soltanto all’Ancona che ha bucato la rete avversaria in 34 occasioni.

Prima dello scontro diretto col Cesena ci sono però sei partite da giocare mantenendo alto il livello di intensità e condizione dimostrato nelle ultime partite. Il calendario mette sulla strada dei granata Montevarchi, Alessandria, Tavernelle, Fiorenzuola, Ancona e Gubbio, squadra che non è ancora fuori da giochi essendo a 7 punti di distanza dalla capolista.

Manca ancora tanto, ma la sensazione è che la Reggiana sia pronta a quel salto che avrebbe forse già meritato l’anno passato se non avesse incontrato sulla sua strada un’altra corazzata come il Modena.

La società sta dimostrando di crederci e ha rinforzato ulteriormente la rosa nel mercato invernale consegnando a mister Diana due nuovi innesti: l’esperto centrocampista Andrea Vallocchia e il giovane attaccante Christian Capone. Soprattutto nel primo caso, un chiaro segnale lanciato da patron Amadei alle avversarie.


Lascia un commento