Ultimo aggiornamento : 26 Lug 2019, 7:00

Nella vecchia fattoria…. Non ci sono più le MUCCHE!

17 Ott 2018, 9:00 | Animali | Scritto da : RWS

Nella vecchia fattoria…. Non ci sono più le MUCCHE!

In compenso è boom di asini: in dieci anni sono aumentati del 377%!

Dalla Coldiretti arriva una “fotografia” sorprendente dello stato di fatto delle fattore in Italia. Secondo l’associazione di categoria, infatti, nelle fattorie italiane sarebbero in netto calo le mucche, i maiali, le pecore e le capre. Al contrario gli asini sono aumentati in dieci anni del 377%.

Dopo aver rischiato l’estinzione, questi esemplari sono infatti oggi a quota 62 mila

Le qualità nutrizionali del latte, la riscoperta delle proprietà cosmetiche e soprattutto il carattere mansueto, docile e amichevole sono alla base del ritorno degli asini, preziosi alleati per il reinserimento in programmi di interesse sociale ed economico, dall’onoterapia al turismo a dorso d’asino. Molte le razze locali salvate, ricorda Coldiretti, dall’asinello albino dell’Asinara, a quello dell’Amiata, al Martina Franca famoso per il suo latte usato per l’alimentazione dei bambini o per la produzione di cosmetici. Tutto questo mentre nelle stalle dal 2008 a oggi si sono persi circa 1 milione di pecore, agnelli e capre, oltre a 600 mila maiali e più di 100 mila bovini e bufale. Un addio che, precisa la Coldiretti, ha riguardato soprattutto la montagna e le aree interne più difficili. A rischio anche la biodiversità delle stalle dove è minacciata l’esistenza di 130 razze allevate. La Coldiretti ricorda che l’allevamento italiano è un comparto economico che vale 17,3 miliardi di euro e rappresenta il 35% dell’intera agricoltura nazionale, con un impatto rilevante anche dal punto di vista occupazionale dove sono circa 800 mila le persone al lavoro.

Tags:

Lascia un commento