Ultimo aggiornamento : 25 Lug 2022, 10:24

La bambina più FORTE del mondo

21 Gen 2022, 11:09 | News | Scritto da : Reporter

La bambina più FORTE del mondo

In un libro la storia dell’ex martellista azzurra Silvia Salis

Una storia vera di coraggio e determinazione, il manifesto sulla parità di genere nello sport

da una campionessa olimpionica ora vicepresidente del Coni.

Un romanzo per ragazzi che affronta temi fondamentali come la parità di genere e l’abbattimento degli stereotipi

Silvia Salis trasmette un messaggio importante: non esistono cose “da maschi” e cose “da femmine” nella vita come nello sport.

Si intitola “La bambina più forte del mondo”, il libro edito da Salani Editore in libreria dal 20 gennaio, il cui ricavato sarà devoluto all’ospedale “Gaslini” di Genova.

A soli tre anni, Stella è già inarrestabile: esile e mingherlina all’apparenza, nasconde dentro di sé un concentrato di energia e vitalità, una tempesta pronta a spazzare via tutto e tutti. Il suo regno è il campo sportivo di Villa Gentile, un luogo magico fatto di pozze di lava rossa incandescente, mari di gommapiuma, isole infestate da pirati e sentieri e nascondigli da esplorare. Ma niente in quel posto attira l’attenzione di Stella come la gigantesca gabbia al centro del prato, nella quale ogni giorno vede atleti piroettare come in una danza e poi scagliare lontano pesanti sfere d’acciaio. Anche quando, crescendo, inizia ad allenarsi, Stella non riesce a ignorare il richiamo della gabbia e diventare una martellista provetta è il suo obiettivo. Peccato che l’allenatore non sia d’accordo: il lancio del martello è uno sport da maschi, le dice. Stella, però, non si dà per vinta, si allena giorno e notte di nascosto con un martello che si è costruita da sola e non c’è infortunio o delusione che tengano: sostenuta e incoraggiata dal migliore amico Lino, Stella si incammina con caparbietà a realizzare il suo sogno più grande.

Silvia Salis è un’atleta olimpionica specializzata nel lancio del martello. Inizia a praticare atletica leggera all’età di 8 anni, specializzandosi nel salto in lungo, ma l’amore per il lancio del martello prende presto il sopravvento ed è a questa disciplina che Silvia dedicherà tutta la propria carriera sportiva. Dopo quindici anni di successi e due Olimpiadi, si ritira a causa di un infortunio e decide di impegnarsi nella politica sportiva. Già membro del Consiglio Federale Fidal e del Consiglio Nazionale del Comitato Olimpico Italiano, nel 2021 è eletta Vice Presidente Vicario del Coni, prima donna a ricoprire questo ruolo. La bambina più forte del mondo è il suo primo libro.


Lascia un commento