Ultimo aggiornamento : 17 Set 2020, 12:18

Il brusco risveglio dei “sognatori” rock!

14 Set 2020, 10:09 | Inaugurazioni Musica Spettacoli | Scritto da : Reporter

Il brusco risveglio dei “sognatori” rock!

Springsteen o i Pearl Jam? Macchè, l’Arena inizia con il TG1 delle ore 20….

Da Bruce Springsteen e i Pearl Jam al… Tg uno delle ore 20!

E’ un brusco risveglio per i “sognatori” che pregustavano l’arrivo nella nuova Arena Campovolo, il fulcro della Music Valley emiliano-romagnola, dei giganti del rock. Molti di loro si sono dovuti “svegliare” davanti al piccolo schermo lo scorso 10 settembre con un nuovo singolo di Ligabue (più o meno simile agli ultimi 50 singoli…) lanciato sulla rete ammiraglia di Mamma Rai in chiusura di telegiornale.

Dal Boss a Francesco Giorgino. Questo è ciò che offre al momento l’Arena Campovolo tanto desiderata e voluta dal Comune di Reggio Emilia e dalla Regione Emilia Romagna (che dirottarono in via dell’Aeronautica 1,7 milioni di euro della Comunità Europea, e quindi soldi pubblici, destinati inizialmente al recupero dei beni storico-artistici del territorio. Soldi che avrebbero fatto comodo per sistemare chiese, castelli e monumenti, tanto per essere chiari).

Ci si è messo di mezzo il Covid, vero. Ma dai Pearl Jam al nuovo singolo di Ligabue o allo show di Emma e le altre donne del pop italiano, il salto all’indietro resta comunque doloroso. 
Per il momento i due concerti sono stati rinviati al 2021. Di rimborsi biglietti non se ne parla neanche. Ripassare a giugno del prossimo anno e sperare che per quella data sarà possibile lasciare accalcare 100.000 persone davanti ad un palco (negli Stati Uniti, molti organizzatori di concerti, si stanno attrezzando per la stagione 2022…).

Il paradosso di una mega Arena da 100.000 persone inaugurata con un concerto “senza pubblico” intanto sta facendo sbellicare di risate mezza Italia, con modenesi e parmigiani in prima fila nel non perdersi l’occasione ghiotta di fare un po’ di sano campanilismo.

“Una nuova Music Valley, una nuova venue unica in Europa – urlano i promotori dell’Arena (un ginepraio di società, enti pubblici e sponsor privati da cui emergono le figure di Claudio Maioli e Ferdinando Salzano) – Immersa in un parco urbano a due passi dalla città, prevede poi strutture e servizi di alto comfort, tra cui ospitalità, tecnologie, sicurezza, accessibilità, pronto intervento, connettività e aree VIP, oltre a visuale e acustica ottimali grazie a una pendenza del 5%”. In effetti, l’altra sera in tv si è sentito e visto tutto alla perfezione.


Lascia un commento