Ultimo aggiornamento : 7 Ago 2020, 8:00

Educare il cucciolo a sporcare nel posto giusto.

23 Lug 2020, 11:08 | Animali Cani Salute | Scritto da : Reporter

Educare il cucciolo a sporcare nel posto giusto.

I cuccioli sotto i tre mesi hanno frequenti necessità di fare i propri bisogni. Non ci si può aspettare di non avere “incidenti” in casa quando un cucciolo è così piccolo, ma è importante cominciare da subito una corretta educazione affinché il nostro nuovo “coinquilino”  acquisisca la capacità di sporcare nel luogo giusto. Ecco alcuni suggerimenti.

Portarlo all’esterno dopo ogni pasto, ogni pisolino e dopo che ha giocato. Lasciargli una relativa libertà di movimento all’interno della zona che avete scelto (il giardino o fuori di casa in generale) gli consentirà di allontanarsi un poco da voi e annusare per trovare l’angolino preferito. A questo scopo si può usare un guinzaglio allungabile, avendo cura di evitare che il cucciolo sfugga dal controllo e si allontani mettendosi in pericolo.

Quando avrà sporcato, premiatelo con un “bravo”. Fate attenzione a non dire “bravo” con voce eccitata appena inizia a sporcare, potreste interromperlo. Fatelo invece appena ha finito e in maniera tranquilla.

Quando il cucciolo avrà sporcato fuori, potrà avere libero accesso alla casa, ma sempre sotto la supervisione di una persona. Negli altri periodi sarà bene tenerlo in un posto piccolo, in un’area ristretta con la sua ciotola dell’acqua, la sua copertina e un foglio di giornale. In questo modo, se dovrà sporcare appena sveglio e non riuscirà a trattenersi, lo farà sul giornale e non in giro per casa. Se il cucciolo sporca in casa pulite accuratamente senza farvi vedere dal vostro curioso quattro zampe e usando un disinfettante organico (non utilizzate né ammoniaca né candeggina). Subito dopo asciugate e strofinate con alcool a 95 gradi. In questo modo è meno probabile che rimangano tracce di feci o urine che potrebbero stimolare il cane a sporcare ancora nello stesso posto.

Non punite il cucciolo fisicamente e soprattutto non mettetegli il muso nell’urina. Le punizioni “a posteriori” non servono a nulla tranne che a spaventarlo. Fate molta attenzione a non punire un cucciolo, neppure con una semplice sgridata, se ancora non avete avuto un buon numero di occasioni di premiarlo perché ha sporcato nel posto giusto. Il primo apprendimento che deve acquisire è dove è possibile sporcare e non dove non è possibile. Il rischio è che, se lo punite, capisca che non deve sporcare davanti a voi. In questo modo potreste trovarvi nella situazione di un cucciolo che non sporca in passeggiata perché ha paura di essere punito e aspetta di arrivare a casa per sporcare mentre voi non lo guardate.

Cercate di prevenire gli incidenti non lasciando mai il cucciolo incustodito e libero di girare per casa quando è passata più di un’ora dall’ultima volta che ha sporcato. Quando non potete controllarlo, lasciatelo nella sua zona ristretta. Se notate segni che esprimono la necessità di sporcare (annusa per terra e gira in tondo) prendetelo subito in braccio e portatelo fuori.

Evitate l’uso di pannoloni per cani: il vostro cucciolo potrebbe sviluppare una preferenza per quel tipo di superficie e poi sporcare sui vostri tappeti. Usate il giornale solo dentro lo spazio ristretto e non cospargete la casa di giornali: è importante che il cucciolo capisca da subito che la casa non è il posto dove fare i propri bisogni. Quest’unico giornale andrà tolto definitivamente non appena il cucciolo comincia a trattenere urina e feci per almeno 7 ore durante la notte.

La cosa più importante è che prima dello scadere dei quattro mesi il cucciolo abbia sviluppato una netta preferenza per le eliminazioni all’esterno dell’abitazione. Incidenti potranno frequentemente capitare fino ai sei mesi e qualche volta anche fino all’anno di età ma fin dai quattro mesi la maggioranza delle minzioni e delle defecazioni deve avvenire all’esterno.

Marco Catellani
Veterinario AUSL

 


Lascia un commento