Ultimo aggiornamento : 16 Nov 2021, 9:40

Ecco la vera storia di Mary Poppins!

29 Gen 2016, 15:00 | Attualità News Spettacoli | Scritto da : webrep

Ecco la vera storia di Mary Poppins!

Sabato 30 gennaio al Teatro Corso di Rivalta lo spettacolo del “Let’s Dance”

La XXV Rassegna di Teatro Dialettale e Musicale del Corso di Rivalta propone un altro appuntamento all’insegna della qualità, frutto dell’armonica fusione di diverse espressioni artistiche. Sabato 30 gennaio, infatti, la sala di via Sant’Ambrogio ospiterà “È arrivata Mary P.”, avvincente produzione del Centro Permanente Danza “Let’s Dance” di Reggio Emilia. I due atti inizieranno alle 21.15 e conquisteranno il pubblico più eterogeneo grazie a un sapiente gioco fabulatorio, che si snoda tra fili di memoria legati all’infanzia per offrire una dimensione musicale e drammaturgica capace di svelare la vera Mary Poppins, quella nascosta nelle pagine di Pamela Lyndon Travers. Questi è lo pseudonimo di Helen Lyndon “Guinty” Goff, che iniziò a scrivere i racconti sulla famosa bambinaia nella prima metà degli anni Trenta, quando era poco più che adolescente. “Era un modo per divertire i fratelli minori, per farli sognare e, di conseguenza, limitare la loro inquietudine, determinata prevalentemente dal rapporto con i genitori e dalle molteplici ripercussioni della crisi economica mondiale sulle singole esistenze”, spiega Mirella Gazzotti, autrice della ricerca filologica che ha portato al testo e alle specifiche scelte espressive dello spettacolo. “Vi sono numerosi elementi di contatto con le problematiche attuali», prosegue la donna per poi precisare che le analogie tra i periodi rendono ancora più spontanei sia l’allestimento che la costante tensione ai messaggi contenuti nelle opere della Travers. Lo spettacolo di teatro musicale della Compagnia Let’s Dance, infatti, è liberamente tratto dagli otto libri che la scrittrice ha dedicato a Mary Poppins e si discosta dalla trasposizione cinematografica della Walt Disney per presentare la famosa governante sulla base delle principali caratteristiche attribuitele dell’autrice di origine australiana. Quest’ultima ha sempre mantenuto una posizione avversa ai cartoni animati, un atteggiamento che ha portato la formazione reggiana a escludere l’utilizzo di proiezioni. «I momenti magici saranno creati attraverso il teatro di figura”, precisa Mirella Gazzotti, alla quale si deve altresì la realizzazione dei pupazzi, dei burattini e degli oggetti di scena. La magia si creerà anche grazie alle coreografie, ispirate ai musical di Broadway, e ai brani proposti, eseguiti dal vivo, tra i quali si ricordano Cam caminì, Cam caminì, Spazzacamin, Un Poco di Zucchero, Suffragette, a noi! e Supercalifragilistichespiralidoso. Lo spettacolo È arrivata Mary P. sarà reso indimenticabile dalla professionalità di Pamela Bertolotti, Chiara Bonfrisco, Giulia Genta, Matteo Razzini, la stessa Mirella Gazzotti, anche alla regia, Marta De Pascale, che ha curato le tecniche vocali, e Salvatore Loritto, al quale si devono le coreografie dei due atti.