Ultimo aggiornamento : 16 Nov 2021, 9:40

CROSSROADS, tra la via emilia e il…Jazz

15 Dic 2016, 17:10 | Attualità News Spettacoli | Scritto da : Reporter

CROSSROADS, tra la via emilia e il…Jazz

Torna la rassegna musicale itinerante: in maggio anche a Correggio

 

Un centinaio di giorni di musica on the road: dal 26 febbraio 2017 riparte il viaggio di “Crossroads”, festival itinerante in tutta l’Emilia-Romagna. Più di sessanta concerti, che arriveranno sino a giugno, con tappe in una ventina di città: paesaggi sonori e geografici in continuo cambiamento sono la parola d’ordine della diciottesima edizione di Crossroads. I circa 500 artisti coinvolti e le migliaia di km da percorrere per seguirli dalla prima all’ultima serata danno forma a una kermesse unica nel suo genere, con la sua panoramica a 360° sul jazz, le musiche improvvisate ad ampio raggio, i suoni etnici, le contaminazioni più stimolanti.
Tra le novità dell’edizione 2017, spicca il ritorno in grande stile della piazza bolognese: il capoluogo regionale ospiterà gli Snarky Puppy, band che ha saputo imporsi come un vero cult, attirando l’entusiasmo anche del pubblico giovanile sovrapponendo fusion, jazz orchestrale e un’anima da progressive rock (24 aprile, Estragon Club). Il programma di Crossroads 2017, pur essendo ancora in via di completamento, ha già raggiunto una chiara e ampia strutturazione. Tra i molti percorsi tematici al suo interno, spiccano tre “residenze d’artista”: Paolo Fresu, Enrico Rava e Fabrizio Bosso. I tre trombettisti più rappresentativi del jazz italiano sono stati più volte ospiti del festival nel corso della sua storia; ma dallo scorso anno sono stati tutti e tre letteralmente adottati in via ufficiale. Ognuno di loro potrà così farsi ascoltare in una molteplicità di progetti. Proprio Enrico Rava porterà il festival nella nostra provincia il prossimo 19 maggio 2017 con un concerto insieme alla pianista statunitense Geri Allen che si preannuncia “sold out”. Vicino a noi segnaliamo anche l’appuntamento del 20 aprile alla Tenda di Modena con Fabrizio Bosso e il Trio Spiritual. Da non perdere poi il 10 marzo a Rimini il duo Petra Magoni-Ferruccio Spinetti, il 30 aprile a Russi di Ravenna la coppia Roy Paci e Mauro Ottolini e il 9 aprile a Castel San Pietro il quartetto del batterista Roberto Gatto. Nutrita anche la schiera degli ospiti internazionali di grande richiamo: dalla chitarra di John Scofield, col suo nuovo progetto fortemente intriso di country (20 marzo, Rimini, Teatro Novelli), alle immaginifiche strutture ritmiche del sassofonista Steve Coleman con il trio Reflex (1 aprile, Ferrara, Jazz Club Torrione San Giovanni) e alla quintessenziale tromba di Tom Harrell (26 aprile, Parma, Casa della Musica). Tra le cose più accattivanti che si potranno ascoltare in queste molteplici direzioni troviamo un trio co-diretto dal pianista cubano Omar Sosa assieme al cantante e maestro di kora senegalese Seckou Keita (12 marzo, Bagnacavallo, Teatro Goldoni). Un cocktail di esotismi è invece quello proposto dalla Banda Magda, guidata dalla cantante e fisarmonicista greca Magda Giannikou (2 aprile, Modena, Off Modena Live Club). Con Leyla McCalla, cantante e multistrumentista che alterna violoncello e banjo, ci si immerge nel calderone musicale di New Orleans, tra suoni creoli, haitiani, folk (6 aprile, Modena, La Tenda). Nella musica della cantante franco-beninese Mina Agossi scorrono invece il jazz e il blues, oltre alle sue evidenti radici africane (13 aprile, Gambettola, Teatro Comunale).

 


Lascia un commento