Ultimo aggiornamento : 16 Nov 2021, 9:40

Correggio: al Teatro Asioli il “Coriolano” di Marco Maccieri

4 Nov 2017, 19:00 | News Spettacoli | Scritto da : Reporter

Correggio: al Teatro Asioli il “Coriolano” di Marco Maccieri

Mercoledì 8 novembre (ore 21) prosegue la stagione di prosa del Teatro Asioli di Correggio con “Coriolano” di William Shakespeare, una produzione Centro Teatrale MaMiMò di cui Marco Plini ha curato adattamento e regia. Marco Maccieri interpreta il ruolo del titolo, e il cast è completato da Luca Cattani, Cecilia Di Donato, Luca Mammoli, Marco Merzi, Valeria Perdonò.
Lo spettacolo ha debuttato lo scorso anno al teatro Cavallerizza di Reggio Emilia, riscuotendo notevole successo di pubblico e critica, e viene ora ripreso all’Asioli per la prima data della prossima tournée.
“Coriolano”, l’ultima tragedia di Shakespeare, datata 1607, è una perfetta macchina metaforica sul potere, uno dei temi più cari al drammaturgo inglese.
Coriolano, patrizio nato nella guerra e per la guerra, grazie alle sue imprese vittoriose contro i Volsci è il candidato ideale per la carica di console. Disprezza però il popolo, che accusa di mediocrità, ignoranza e codardia, ed è apertamente ostile ai tribuni della plebe. L’intransigenza di Coriolano si scontra con le esigenze di mediazione della politica; i tribuni riescono a esiliare Coriolano, condannandolo come nemico del popolo. Sentendosi tradito da Roma, tradirà a sua volta alleandosi con i Volsci e marciando contro Roma. Soltanto la madre e la moglie convinceranno il guerriero a non distruggere Roma.
Secondo il regista “Coriolano è come una palestra civile, ci allena, ci costringe ad assumere un atteggiamento vigile e critico, ci chiede in continuazione “da che parte state?”. E le parti in causa sono il popolo con la sua “pancia” volubile, i suoi rappresentanti anche ipocriti e falsi, l’uomo forte e autoritario che non accetta mediazioni.
In un ambiente geometrico ed essenziale, la messinscena si snoda tra suggestioni pop e dark (da Arancia meccanica a Interceptor a Le jene) con costumi, musica techno e microfoni che – assieme alla brillante “ripulitura” prodotta dall’adattamento di Plini – contribuiscono a renderla intensa, energica ed efficace.

 


Lascia un commento