Ultimo aggiornamento : 10 Giu 2022, 10:14

Annamaria Crisalli è la nuova direttrice di UISP Reggio Emilia

18 Mar 2022, 10:12 | Attualità | Scritto da : Reporter

Annamaria Crisalli è la nuova direttrice di UISP Reggio Emilia

Le sfide di un settore in crisi, le riforme e il divario di genere post-Covid  

 

Questo non è un Paese per donne, ma da qualche parte ci sono anche esperienze che raccontano un’Italia diversa, che crede, valorizza e sostiene le donne anche sul lavoro. Così ha fatto la Uisp di Reggio Emilia, che dal mese di gennaio ha affidato l’incarico di direttrice del Comitato ad Annamaria Crisalli, proprio al rientro dalla sua seconda maternità.

Reggiana di adozione, mamma di due bambini di 1 e 4 anni, Annamaria Crisalli è impegnata in ambito associativo con Uisp dal 2004, dove ha fatto il suo ingresso con una laurea in Economia e Gestione delle aziende non profit ottenuta alla Bocconi, percorso di studi che l’ha portata a conoscere e sostenere il mondo del Terzo settore professionalmente nel ruolo di consulente in Arsea Srl e a titolo volontario attraverso un impegno politico svolto a livello locale e nazionale in Uisp e nel Consiglio di Gestione della Fondazione per lo Sport con la nomina degli Enti nella presidenza Melli.

La nuova direttrice del Comitato – che conta 25 dipendenti e oltre 100 collaboratori – legge il suo nuovo incarico come una sfida sotto tanti punti di vista, in un momento storico di transizione per il mondo sportivo nel mezzo di due riforme.

 “Questo non è un periodo facile per il nostro settore, che necessita di una ricostruzione e di nuove opportunità. Veniamo da lunghe chiusure e siamo nel mezzo di due riforme, quella dello sport e del terzo settore, che ci toccheranno da vicino essendo Uisp sia un Ente di Promozione riconosciuto dal Coni ma ance un’Associazione di Promozione Sociale. Mi auguro che queste riforme trovino un’armonizzazione nell’attuazione delle norme, soprattutto sul delicato tema del lavoro in ambito sportivo. Da un lato, infatti c’è la sostenibilità economica di un settore in crisi – spiega Annamaria Crisalli – e dall’altro ci sono le persone nel ruolo di tecnici-educatori sportivi, che nella nostra associazione svolgono un ruolo fondamentale”.


Lascia un commento